Bio @ Impresa Lavori Acustici

I.L.A. nasce come combo1,poc’anni e mezzo orsono, dall’incontro di tre giovani2 musicisti3 con le loro brave esperienze alle spalle; la sua caratteristica principale – come dice il nome4 – è da sempre l’utilizzo esclusivo di strumenti acustici. Come ogni band che si rispetti, l’Impresa ha subito traversìe, abbandoni, rientri e integrazioni; la formazione si avvale adesso di una strumentazione ampia e varia:

  • Voce, Chitarra, kazoo, galleggiante da pompa idraulica5, kickfoot6, potenzialmente tamburello o cembalo o addirittura (!) bodran (Luca Rossi); non si esclude il saltuario utilizzo di mandolino (poi?)

  • Chitarra elettrica (Nicholas Roselli) 

  • Voce, flauto traverso  (Marina Annese)

  • Chitarra classica e folk (Marco Guiducci)

  • Fisarmonica (Nicola Corsinovi

  • Contrabbasso (Renzo Cavallini)

  • Batteria (Sergio “Atawapa”dell’Unto)

Il repertorio è costituito per la quasi totalità da composizioni7 di Luca, che le canta anche; gli altri componenti si occupano principalmente di complicare la vita all’autore (ma anche a sé stessi), rimescolando di continuo gli arrangiamenti8. I testi sono in italiano, lo stile musicale è riferibile a soggetti quali Mau Mau Bandabardò, Modena City Ramblers, Ginevra Di Marco, Mannarino, De André, Dalla9. Tempi latineggianti, qualche ¾, alcune ballad, brani della tradizione popolare… nel complesso la musica proposta è apprezzabilmente varia; qualche cover piazzata qua e là ambisce a tener desta l’attenzione del pubblico.

Sono puliti, educati, non sporcano, occupano poco spazio, non fanno troppo rumore, si presentano bene10, bevono con una certa moderazione e costano poco.

1 Cioè “gruppo di ridotto organico”, ma detto così farebbe meno fico

2 Nell’animo: l’età media è vicina ai quaranta, con punte che superano il mezzo secolo

3 Sedicenti tali: scarsi i titoli accademici

4 Fantasioso, eh?

5 Ci ha i piombini dentro, per cui suona, tipo maracas

6 Scatola di legno che amplifica il naturale battere del piede

7 Son parole grosse …

8 E il bello è che poi non se li ricordano più neanche loro

9 Non ce ne voglia chi è stato dimenticato, ma soprattutto chi non lo è stato

10 Oddìo …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...